Simpef

La carta d'identità di SiMPeF: nuova sigla autonoma per i titolari della salute under 16.

La determinazione di oltre 700 Pediatri di famiglia lombardi ha dato origine sul finire del 2010 ad un nuovo sindacato: SiMPeF, Sindacato Medici Pediatri dì Famiglia.
Compatti hanno deciso di abbandonare la Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp) per fondare una sigla autonoma, che si pone l'ambizioso obiettivo di costruire un sindacato più moderno, in linea con la naturale evoluzione di un sistema sanitario oggi federalista,  che rappresenti al meglio le realtà locali, ne colga e valorizzi le iniziative e le potenzi portandole al tavolo delle trattative nazionali.
Un sindacato non disposto a percorrere strade contigue a discutibili iniziative commerciali o propagandistiche.
In questi anni, pur nelle difficoltà procedurali che accompagnano la nascita di un nuovo soggetto, il numero degli iscritti è ulteriormente aumentato

L'obiettivo della contrattazione, oggi territoriale e regionale ed a breve su scala nazionale è di investire sulla professionalità del pediatra di famiglia per migliorare il servizio al cittadino e di far risparmiare il sistema sanitario nel medio periodo, lavorando in prospettiva per la salute del singolo e della comunità.

Simpef auspica che gli obiettivi di alto profilo assistenziale e di appropriatezza che hanno guidato in passato la strategia degli Accordi Regionali ed Aziendali rimangano il terreno di confronto e condivisione con la parte pubblica ancor più in situazioni di ridotte risorse economiche che possono essere rivalutate  perfezionando percorsi ed utilizzi, ma non snaturando  l'assistenza nei confronti dei bambini e degli adolescenti

La contrattazione di questi accordi si è basata sul principio della totale libertà di adesione del singolo professionista a quanto previsto dalla piattaforma siglata dalle parti, incentivata però dalla contropartita dì una chiara opportunità di
crescita professionale e di vantaggio, non solo economico, per i pediatri di famiglia che decidano di impegnarsi investendo in prima persona le proprie risorse ed il proprio tempo.

Questa tipologia di accordi cui in effetti ha aderito la quasi totalità dei colleghi, ha consentito di  garantire a tutti i bambini lombardi la possibilità di scelta di un pediatra di famiglia che possa prendersi cura di loro, talora fino ai 16 anni di età.
Si sono potuti attuare investimenti in prevenzione attraverso strumenti qual i "bilanci di salute" o la possibilità di svolgere negli ambulatori semplici test diagnostici che permettono di intercettare  precocemente stati patologici a rischio di evoluzione negativa  e di intervenire con maggiore tempestività.

Proprio la possibilità di effettuare immediatamente questi semplici esami diagnostici è ritenuta dal 90% dei genitori una pratica utile per migliorare l'assistenza al proprio figlio, secondo indagini  condotte in questi anni  sulla soddisfazione verso i pediatri di famiglia a Milano e Provincia. (rif.Istituto Nextplora )

Grazie alla rete regionale dei pediatri di famiglia e al sistema informativo socio-sanitario che la Regione Lombardia ha implementato viene offerto agli assistiti un servizio di prim'ordine: un impegno e un sistema che i cittadini apprezzano.
Risulta infatti che  l’87 per cento dei genitori si ritiene soddisfatto del proprio pediatra di famiglia al punto che l'85 per cento lo consiglierebbe a parenti e amici e lo sceglierebbe di nuovo nel caso di un altro figlio, dimostrando anche con il mantenimento dell'iscrizione oltre l'età di esclusiva l'apprezzamento per l'assistenza ricevuta
Sono questi risultati, il lavorare per accordi che siano propositivi e stimolanti per il professionista e per il sistema pubblico, il vero obiettivo e il ruolo di una moderna organizzazione sindacale che tuteli gli interessi dei propri associati ed  anche quello della comunità.

Ora con il riconoscimento della nostra rappresentatività  a livello nazionale, si apre una nuova fase per apportare il nostro  contributo alla costruzione di un modello di assistenza pediatrica sul territorio ove le specifiche professionali costantemente evolute ed integrate dei pediatri di famiglia possano offrire la miglior assistenza  e la miglior prospettiva di sviluppo della salute e della persona ai bambini di oggi, facendo fruttare al meglio le risorse che la società deve mettere  disposizione del proprio futuro

Rinaldo Missaglia
Presidente Nazionale SiMPeF